Ju Jitsu

Ideogramma Ju Jitsu Atlete in azione

Il termine Ju Jitsu significa letteralmente (Jitsu) tecnica, metodo o arte, (Ju) della cedevolezza, della flessibilità o della morbidezza.

È un'antica arte marziale giapponese praticata dai leggendari Samurai come completamento all'addestramento delle armi.

Atlete in gara

Il Ju Jitsu è quindi uno stile di difesa personale a mani nude basato su tecniche di parate, schivate, leve articolari, squilibri, proiezioni, percussioni e immobilizzazioni, che permette di neutralizzare o controllare un avversario, armato o disarmato.

È importante notare che il Ju Jitsu rifugge la violenza poiché non c'è mai attacco iniziale e la difesa entra in atto solo per salvaguardare l'incolumità fisica del praticante.

Il Ju Jitsu esprime il principio secondo il quale la maggiore efficacia nel combattimento si ottiene assecondando un attacco, senza contrastarlo direttamente. Tradotto nella pratica, consiste, nell'adattarsi flessibilmente e con intelligenza alla forza aggressiva dell'avversario, sfruttandola a proprio vantaggio al fine di neutralizzare e rendere inoffensivo l'attaccante.

Il Ju Jitsu è una applicazione razionale e calcolata delle linee di forza e delle direzioni di movimento.

La versione del Ju Jitsu praticato in Italia, pur mantenendo intatte le tecniche tradizionali e grazie al contributo di grandi maestri italiani di questa disciplina, si adatta alla mentalità occidentale e si adegua alle esigenze dei tempi moderni.

Lo stile di Ju Jitsu praticato nei nostri corsi è quello del Maestro Gino Bianchi.

Orari: Martedì e Giovedì ore 20.30 - 22.00
Insegnante Tecnico: Andrea Gandolfo - Istruttore - C.N. 3° dan FIJLKAM (CONI)